Wildenkogel 3.021m

Il più importante a colpo d‘occhio

dislivello in salita
🔋
1350 dislivello
punto piú alto
🞍
3021 m
tempo di cammino salita
4 h
lunghezza percorso
4.2 km
difficoltà
🞽
difficile
punto di partenza:
Matreier Tauernhaus (1.500 m)
punto d‘arrivo:
Wildenkogel (3.021 m)
stagione migliore:
GEN, FEB, MAR, APR, DIC

arrivo

Parcheggio
Parcheggio Matreier Tauernhaus

profilo altrimetrico

File PDF

File GPX

Cartina interattiva

aperto

Meteo attuale

Descrizione

Mentre la maggior parte delle destinazioni degli skitour intorno alla Matreier Tauernhaus può essere percorsa più o meno tutto l'inverno, la scalata del Wildenkogel rientra tra le migliori esperienze primaverili. Pendii ripidi e minacciati dalle valanghe spuntano dagli inconfondibili gradoni, la salita si snoda sulla vetta leggermente nascosta. Una buona tecnica in inversione in salita, oltre alla capacità di riconoscere le valanghe, sono il presupposto per poter apprezzare questo tour. Il punto di partenza è Matreier Tauernhaus (1500 m, parcheggio), a due chilometri dal portale sud del Felbertauern. La salita al Wildenkogel si snoda esattamente di fronte alla Gasthaus ed è ben visibile nella parte inferiore. Proseguiamo in direzione sud-ovest, attraversiamo più volte la pista da fondo, in piano fino al ponte sul torrente Tauernbach. Cartelli gialli ci conducono qui in un percorso nel bosco che ci porta lungo il sentiero estivo con numerosi tornanti fuori dal bosco di larici in un piccolo appiattimento. Il terreno diventa più aperto e saliamo a destra del torrente passando per un pendio in salita verso la montagna. Nel punto giusto attraversiamo il letto del fiume e superiamo il primo altopiano (Lackenboden). Il secondo gradone ripido (pendio sud-est fino a 40°) viene superato a destra dallo sbocco del Löbbensee. In una sorta di serpentina il sentiero si snoda attraverso questa tratta e lascia il fianco tra le rocce in direzione dello sbocco del lago (quota 2226 m) a cui si accede leggermente al di sopra. L'ulteriore sentiero conduce lungo la superficie del ghiacciaio fino all'affluente e gira a 2250 m, seguendo l'andamento della valle verso nord-ovest. Nella conca sempre in salita il tracciato sciistico a 2.600 m si snoda ancora verso sud-ovest e conduce attraverso le placche scavate dal ghiacciaio sotto le rocce dell'anticima nella zona piatta e ricca di dislivelli. Saliamo per un breve pendio in direzione nord in una piccola conca sotto la vetta. Passando per i resti del ghiacciaio Wildenkees proseguiamo verso il pendio finale (SE, fino a 35°) sotto la linea di cresta. Attraverso quest'ultima e passando per una breve zona con blocchi rocciosi raggiungiamo il punto più alto. La discesa avviene lungo il tracciato della salita o scaliamo un po' di metri fino alla cresta orientale e scendiamo dal pendio sul versante meridionale fino a Kar.


Troverete ulteriori consigli per gli skitour nelle guide sullo sci alpinismo di Thomas Mariacher, disponibili qui: www.grafikzloebl.at/verlag/buecher/

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi ogni mese i migliori consigli per offerte attuali, escursioni in montagna, eventi e tante altre cose.